01 Luglio 2024 // stress lavoro correlato_  

Stress da lavoro correlato e degenerazione: cause e soluzioni

Lo stress lavoro correlato si riferisce a uno stato di stress derivante dalle pressioni, dalle sfide e dalle richieste specifiche del lavoro. Può essere causato da vari fattori come carichi di lavoro eccessivi, scadenze serrate, mancanza di supporto, conflitti sul posto di lavoro, mancanza di controllo sulle proprie responsabilità lavorative, e altre fonti di pressione connesse all’ambiente lavorativo.

Il burnout è una forma più estrema e grave di stress lavorativo. È una sindrome di esaurimento emotivo, cinismo e ridotta efficacia lavorativa derivante da uno stress cronico e prolungato sul posto di lavoro. È un’esperienza di esaurimento fisico, emotivo e mentale che può avere gravi conseguenze sulla salute fisica e mentale dell’individuo.

Il burnout sul posto di lavoro può essere un problema serio sia per i singoli lavoratori che per intere organizzazioni. La buona notizia è che ci sono modi per anticiparlo e metodi per correggerlo.

 

Cosa significa burnout

Il burnout sul posto di lavoro è una sindrome legata all’occupazione derivante da stress cronico sul lavoro che non è stato gestito con successo. Il burnout può essere misurato e quantificato utilizzando strumenti scientifici validati. Implica un continuo esaurimento emotivo, distanza psicologica o negatività e sentimenti di inefficacia, tutti fattori che si sommano a uno stato in cui i fattori di stress legati al lavoro non vengono gestiti efficacemente dal normale riposo offerto dalle pause lavorative, dai fine settimana e dal tempo libero (Organizzazione Mondiale della Sanità, 2019).

Cosa non è burnout

Questo non è il “burnout” che usiamo nelle conversazioni informali. Il vero burnout sul posto di lavoro è specifico del proprio lavoro o occupazione ed è più preoccupante e dannoso delle irritazioni quotidiane che tutti sperimentano e che la maggior parte di noi gestisce.

Le tre dimensioni del burnout sul posto di lavoro

 

  1. Sensazione di Esaurimento Energetico o Esaurimento Emotivo
  2. Aumento della Distanza Mentale dal Proprio Lavoro e Sentimenti Negativi o Cinici Verso il Proprio Lavoro
  3. Ridotto Senso di Efficacia sul Lavoro

Mindy Shoss, PhD, professore di psicologia presso l’Università della Florida Centrale e redattore associato del Journal of Occupational Health Psychology, afferma: “Ci sono molte potenziali cause di burnout nei luoghi di lavoro di oggi: carichi di lavoro eccessivi, bassi livelli di supporto, poca voce in capitolo” o controllo sulle questioni relative al posto di lavoro, mancanza di riconoscimento o ricompensa per i propri sforzi e ambienti di lavoro interpersonalmente tossici e ingiusti. Aggiungete a ciò il costante ronzio di incertezza su una possibile recessione, e non sorprende che il burnout sia in aumento in molti luoghi di lavoro”.

Rischi sul lavoro

Decenni di ricerche mostrano un’associazione tra il burnout sul posto di lavoro e una serie di conseguenze negative a livello organizzativo, psicologico e persino fisico, tra cui:

Organizzativo:

  • Assenteismo
  • Insoddisfazione lavorativa
  • Presentismo

Psicologico:

  • Depressione
  • Insonnia
  • Disagio psicologico

Fisico:

  • Cardiopatia
  • Mal di testa
  • Dolore muscoloscheletrico (Salvagioni et al., 2017).

Fatti e cifre

Secondo importanti ricerche scientifiche, i dipendenti che sperimentano un vero e proprio burnout sul posto di lavoro hanno:

  • Aumento del 57% del rischio di assenza dal posto di lavoro superiore a due settimane a causa di malattia (Borritz et al., 2010)
  • Aumento del rischio del1’80% di sviluppare disturbi depressivi (Ahola et al., 2005)
  • Aumento del rischio di diabete di tipo 2 dell’84% (Melamed et al., 2006)
  • Aumento del rischio di ipertensione del 40% (von Känel et al., 2020)

Inoltre, il burnout sul posto di lavoro può compromettere la memoria a breve termine, l’attenzione e altri processi cognitivi essenziali per le attività lavorative quotidiane (Gavelin et al., 2022).

Dennis P. Stolle, JD, PhD, direttore senior di psicologia applicata dell’APA, sottolinea che il burnout ha conseguenze sull’efficacia organizzativa, non solo sugli individui. “Quando i lavoratori soffrono di burnout, la loro produttività diminuisce e potrebbero diventare meno innovativi e più propensi a commettere errori. Se questo si diffonde all’interno di un’organizzazione, può avere un grave impatto negativo sulla produttività, sulla qualità del servizio e sui profitti”.

 

 

effetti burnout

Cosa fare

Christina Maslach, PhD, una delle maggiori esperte sul burnout sul posto di lavoro, ha sottolineato che per trovare soluzioni al problema del burnout è necessario considerare il posto di lavoro, il lavoratore e la conformazione fisica del posto di lavoro.

“Dobbiamo riformulare la questione fondamentale, da chi si sta esaurendo al motivo per cui si sta esaurendo. Non è sufficiente concentrarsi semplicemente sul lavoratore che ha un problema: occorre riconoscere le condizioni lavorative circostanti che sono la fonte del problema. Ecco perché il rapporto lavoro-persona è così importante. Esiste una buona corrispondenza tra il lavoratore e l’ambiente di lavoro, che consente al lavoratore di prosperare e fare bene?” Maslach dice.

Cosa possono fare i datori di lavoro:

  • Misurare periodicamente se nella propria organizzazione si sta verificando il burnout sul posto di lavoro attraverso indagini ponderate e sistematiche.
  • Tenere traccia dei carichi di lavoro, verificare regolarmente con i lavoratori come stanno andando e incoraggiare a sfruttare il tempo libero.
  • Dare un’occhiata approfondita alle pratiche della loro organizzazione per assicurarsi che diano ai lavoratori il controllo, la flessibilità e le risorse necessarie per gestire il carico di lavoro e lo stress lavorativo.

Cosa possono fare i dipendenti:

  • Dare priorità alla cura di sé, inclusa la cura del benessere fisico ed emotivo.
  • Stabilire limiti appropriati, incluso concedersi il permesso di staccare veramente la spina dal lavoro per periodi di tempo ragionevoli.
  • Dare priorità alle relazioni sociali. Relazioni sane con colleghi, amici e familiari possono aiutare ad attenuare lo stress sul posto di lavoro.

 

 

Strumenti a supporto dell’azienda

Il nuovo modulo Valutazione SLC (stress lavoro correlato) permette di produrre online il documento di valutazione preliminare (oggettiva) del rischio da Stress Lavoro-correlato come previsto dal D.L. n.81 del 9 aprile 2008.

La metodologia applicata per verificare lo stato di stress lavoro-correlato dei Lavoratori fa riferimento alle Linee Guida INAIL; il tool è preconfigurato anche per l’utilizzo della metodologia INAIL specifica per il Settore sanitario.

Scopri tutti i vantaggi dell’utilizzo di questo strumento e delle funzionalità che potrai digitalizzare. Richiedi subito una DEMO del software Q-81 HSE!

11 Marzo 2022 // Nord Pas // sentenza

Validità dei certificati di formazione in materia di salute e sicurezza e covid 19